Il Kagerō nikki, di Maria Laura Valente

Nel variegato panorama della produzione di nikki 日記 delle dame di corte del periodo Heian, un discorso a sé stante merita il Kagerō nikki 蜻蛉日記, il “Diario di un’effimera”, risalente al X secolo. Della sua autrice ignoriamo molte cose, tra le quali il suo nome poiché, in ossequio al principio dell’epoca – secondo il quale […]

Read More…

La prima neve, di Nicholas Klacsanzky

Commento a uno haiku di Maria Laura Valente, tratto dal sito Haiku Commentary. Traduzione dall’inglese a cura di Luca Cenisi. Strada di casa – sui ricordi d’infanzia la prima neve Opera apparsa su Il mio Mandala – Antologia Haiku (Cascina Macondo, 2015) e su Inchiostri d’Autore (Accademia Barbanera Edizioni, 2016), nonché vincitrice del premio La couleur d’un poème (Milano, […]

Read More…

Intervista a Valeria Simonova-Cecon, a cura di Maria Laura Valente

Un dialogo su haiku, senryū e renku tra Valeria Simonova-Cecon, redattrice di Ershik ed amministratrice della Pagina Bannō Senryū for Gaijin, e Maria Laura Valente, insegnante e appassionata di letteratura giapponese. MLV: Cara Valeria, innanzitutto ti ringrazio per avermi concesso questa intervista, grazie alla quale mi sarà possibile affrontare ed approfondire, a beneficio di tutti […]

Read More…

L’amore ai tempi delle antologie imperiali, di Maria Laura Valente

I riferimenti poetici nella corrispondenza amorosa di epoca Heian. Le relazioni amorose nel Giappone dell’epoca Heian (794-1185) corrono sul filo della comunicazione poetica. Poiché gli amanti si incontrano raramente e per fugaci momenti, la conversazione vera e propria avviene per via epistolare, attraverso la preparazione di raffinate missive in cui brevi prose si alternano a […]

Read More…

La poetica del kinuginu, di Maria Laura Valente

Nel microcosmo cortigiano di epoca Heian (794-1185), la poesia riveste un ruolo di estrema rilevanza nei rapporti sociali. Attraverso la versificazione si esprimono i sentimenti scaturiti da una intensa consonanza con l’istante vissuto, si imbastisce il dialogo amoroso, si dimostrano le proprie competenze culturali, si mette in luce la propria maestria compositiva e, non da […]

Read More…

La cartella del professore, di Kawakami Hiromi

Approfondimento di lettura a cura di Maria Laura Valente L’incontro con la scrittura di Kawakami Hiromi è stato oltremodo piacevole e, a tratti, sorprendente. Il suo stile nitido, essenziale, puntiforme accompagna in modo assai appropriato il quieto snodarsi della trama tra le imprevedibili anse dell’esistenza umana. Un lessico semplice ed incredibilmente poetico nella sua assenza […]

Read More…

Racconti dal medioevo giapponese, di Maria Laura Valente

Nota di lettura a La monaca tuttofare, la donna serpente, il demone beone. Racconti dal medioevo giapponese, a cura di Roberta Strippoli (Venezia, Marsilio Editori, 2001). Questa interessante raccolta di racconti, di cui Roberta Strippoli ha curato traduzione, commento ed accurata introduzione, presenta al pubblico italiano, dopo le traduzioni degli anni Settanta di Maria Teresa Orsi, […]

Read More…

Gli otogizōshi, di Maria Laura Valente

Gli otogizōshi 御伽草子 (“racconti di compagnia”, da otogi 御伽 “tenere compagnia” e zōshi 草子, “libriccino, racconto”) sono racconti del medioevo giapponese, fase della storia nipponica che va dall’inizio del periodo Kamakura (1185-1333) alla fine del periodo Azuchi-Momoyama (1568-1600). Gli otogizōshi nascono in forma orale (come l’iterazione di formule fisse e la presenza pervasiva di esclamazioni tipiche di […]

Read More…

Ki no Tsurayuki e il Tosa Nikki

Seconda puntata della rubrica di approfondimento sulla letteratura diaristica di epoca Heian curata da Maria Laura Valente. L’epoca Heian 平安時代 (794-1185) è caratterizzata, segnatamente nella sua fase iniziale, da una profonda commistione tra la pervasività della cultura cinese e l’urgenza delle istanze autoctone dell’animo giapponese. Il nome stesso di questo periodo storico ne è suprema […]

Read More…

Takejirō Hasegawa e le fiabe giapponesi del Museo Stibbert

Nota di lettura di Maria Laura Valente. Ciò che rende celebre il Museo Stibbert è la sua collezione di armi ed armature. Eppure, in questo museo fiorentino è conservata una piccola e preziosa collezione letteraria che merita sicuramente di essere conosciuta ed apprezzata. Si tratta di un gruppo di diciassette volumetti illustrati, con rilegatura cucita […]

Read More…