Il senryū, di Valeria Simonova-Cecon

Il senryū (川柳, “salice di fiume”) è un genere di poesia giapponese strutturalmente molto simile allo haiku. Anch’esso consta, infatti, di 17 sillabe (divise in tre segmenti fonetici di 5, 7 e 5 on). Tuttavia, mentre lo haiku deriva dallo hokku (発句), ossia il primo verso di una poesia a catena denominata renga (連歌), le origini del senryū sono legate al […]

Read More…

I toilette senryū, di Valeria Simonova-Cecon

Potrebbe sembrare strano, ma uno dei più noti concorsi di senryū in Giappone è dedicato alla toilette. La toilette giapponese era composta, in origine, da un semplice buco nel pavimento, sopra il quale bisogna accovacciarsi al contrario rispetto alla turca alla quale noi occidentali siamo abituati, cioè con la faccia rivolta al muro. Ma l’era […]

Read More…

Un kosenryū letto da Valeria Simonova-Cecon

Kosenryū tratto del primo volume dello Haifu-Yanagidaru. むく鳥か 來てハ格子を あつからせ   古 mukudori ga kite wa kōshi o atsugarase arrivati gli storni – si scalda l’ambiente dietro le grate Kosenryū (古川柳) è il termine che indica i “vecchi senryū” del Settecento, pubblicati prevalentemente all’interno dei primi 26 volumi dell’antologia di senryū Haifu-Yanagidaru 誹風柳多留. “Storno” (むく鳥 mukudori) era il soprannome dato in epoca Edo […]

Read More…

Ershik, la rivista russa di senryū

Mentre in Giappone haiku e senryū sono due generi poetici ben distinti ed esistono riviste dedicate unicamente all’uno o all’altro tipo, in Occidente, di solito, vengono pubblicati insieme, senza distinzione. Vi sono, al momento, solo due riviste dedicate ai senryū (ma anche ai kyōka, un altro genere satirico, non di tre, ma di cinque righe), […]

Read More…

Demoni e mostri: gli yōkai senryū, di Valeria Simonova-Cecon

Con il termine yōkai (妖怪) – composto da yō, “maleficio, sortilegio”, e da kai, “manifestazione inquietante” – si fa riferimento a quelle apparizioni di spiriti, demoni o creature soprannaturali appartenenti alla mitologia giapponese. Ci sono molte tipologie di yōkai: alcuni assomigliano tantissimo agli esseri umani (oppure ne possono prendere forma), altri ad animali o ad oggetti inanimati; […]

Read More…

Il mondo otaku in versi, di Valeria Simonova-Cecon

Otaku (おたく/オタク) è un termine giapponese che dagli anni Ottanta indica una subcultura giapponese di appassionati in modo ossessivo di manga, anime, e altri prodotti ad essi correlati. In Europa e negli Stati Uniti, il termine si usa senza alcuna connotazione negativa, non solo per i fan di manga e anime, ma anche per le persone appassionate di […]

Read More…

Murata Shūgyo, di Valeria Simonova-Cecon

Murata Shūgyo (1889-1967) è stato uno dei cosiddetti rokudaika, o “sei grandi poeti di senryū”. Nato e cresciuto a Tokyo, iniziò a scrivere haiku all’età di 6 anni. A 17 cominciò inoltre a cimentarsi nella composizione di senryū, inviandoli ai vari giornali per una loro pubblicazione. Tra i fondatori del Kiyari Senryū Club (il circolo di senryū più grande […]

Read More…

Il Kiyari Senryū Club, di Valeria Simonova-Cecon

Continuando a parlare di senryū letterari, questa volta presentiamo il Kiyari, uno dei più importanti club di senryū di Tokyo. Fu fondato nel lontano 1920 da tre amici: Murata Taibo, Mizushima Furo e Yasoshima Kakitsu. Nel 1929 Murata Taibo prese lo pseudonimo di Murata Shugyou e con questo nome divenne famoso come uno dei roku taika, i sei grandi scrittori di senryū. […]

Read More…

Maeda Jakurō, di Valeria Simonova-Cecon

Maeda Jakurō (前田雀郎, 1897-1960) è stato uno dei cosiddetti “Sei grandi poeti di senryū” o rokudaika (六大家) giapponesi. Iniziò la sua carriera letteraria componendo kyōka, per poi approdare al genere senryū. Nonostante fosse nato fuori Tokyo, nella prefettura di Tochigi, fu famoso per la creazione di un particolare stile “metropolitano”. Approfondì le origini del genere senryū, fondando […]

Read More…

Karumi. Haiku & Tanka, di Fabrizio Frosini

Recensione di Luca Cenisi a Fabrizio Frosini, Karumi. Haiku & Tanka, Amazon Media EU S.à r.l., 2015 (formato e-book). Karumi. Haiku & Tanka di Fabrizio Frosini è un’opera composita, che si distingue dalle altre sia per il considerevole numero di componimenti presenti (246 tra haiku, senryū e tanka), sia per gli interessanti approfondimenti che aprono […]

Read More…