Dieci haiku di Adjei Agyei-Baah

20161216_184935

Adjei Agyei-Baah è uno haijin ghanese, il co-fondatore della Fondazione della Poesia in Ghana e del Network Africano per lo Haiku. Nel 2015 ha lanciato insieme a Emmanuel Jesse Kalusian il giornale Mamba il primo dedicato allo haiku internazionale. Questi dieci componimenti sono scelti dal suo libro “AFRIKU”, pubblicato dalla casa editrice RedMoonPress.

wooden doll –
the dry laughter
of an African child

bambola di legno –
la risata asciutta di una
bimba Africana

leafless tree
lifting a cup of nest
into the sky

albero spoglio
alza la coppa del nido
verso il cielo

dawn –
the distant sound
of my neighbour’s broom

alba –
il suono distante
della scopa del mio vicino

dawn rivalry –
a muezzin
and a rooster

rivalità all’alba –
un muezzin
ed un gallo

end of the month
that pleasant smell
of payday

fine mese –
quel piacevole profumo
del giorno di paga

evening lull
smoke curling up
from an easy chair

pausa serale
il fumo si arriccia
dalla sedia a dondolo

garden reading
a ripe mango drops
with a splash of red ants

lettura in giardino
un mango maturo cade
spruzzando formiche rosse

deserted shore
the wind sharpens its voice
over a conch

spiaggia deserta
il vento affila la voce
su una conciglia

kind bartender –
he lifts a drunkard’s head
to wipe the table

barista gentile –
alza la testa dell’ubriaco
per pulire il banco

just a moment –
distant lightning connects
sky and earth

giust’un attimo –
una saetta connette
il cielo e la terra

Il libro si può acquistare sul sito della RedMooonPress:

http://www.redmoonpress.com/catalog/product_info.php…

Una risposta a "Dieci haiku di Adjei Agyei-Baah"

  1. Tommaso

    Leggo qui che l’autore è il co-fondatore del network africano per lo haiku, che ha lanciato nel 2015 il giornale Mamba il primo dedicato allo haiku internazionale ecc.

    In molti di questi componimenti però, sembra essenziale l’appoggio al riferimento del “piccolo kigo”, elemento introdotto dall’associazione “Cascina Macondo” ma disconosciuto e più volte criticato da Luca Cenisi e dall’associazione AIH.

    Il richiamo alla natura è qui spesso inesistente (in “fine mese” – “bambola di legno” – “barista gentile”) e talvolta viene perfino “umanizzata” con metafore esplicite.

    Solo per capire meglio: ma questi componimenti vengono considerati haiku?

    Saluti
    Tommaso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...