Un Giorno di Sole, haibun di Elisa Bernardinis

sky-with-clouds-sunny-day-725x482

Un giorno di sole

È una magnifica giornata di fine primavera, il cielo terso, con solo qualche soffice nuvola a disegnarne qua e la i contorni. Respiro a pieni polmoni il penetrante profumo dell’estate che avanza, nell’aria ancora piuttosto fresca del mattino. Salgo nella mia auto, pronta per andare al lavoro, e mi avvio, imboccando poco dopo la superstrada che mi porterà a destinazione.

Il traffico è scarso, essendo un sabato mattina, ed io sono piuttosto rilassata alla guida mentre l’autoradio canta le note di una canzone che non conosco. Ma ecco che scorgo quelli che sono gli inequivocabili segni dello scontro tra due automobili: le lunghe e nitide strisce nere lasciate da una brusca frenata, il guardrail piegato e pezzi di fanalini e paraurti abbandonati.

La strada, il sole, questo bellissimo cielo limpido, perfino la musica, improvvisamente scompaiono; ed ecco che ora, davanti ai miei occhi, in un flashback che sembra proiettarsi nello schermo della mia mente come una vecchia diapositiva conservata nel fondo di un cassetto, ciò che vedo è un istante della mia vita

un incidente –
di mio padre ricordo
un piede nudo

E improvvisamente realizzo che il ricordo più prossimo che ho di mio padre, il primo che si insinua nella mia mente quando lo penso, sovrapponendosi a tutti gli altri, è quel piede senza una scarpa, che sbuca dal lenzuolo verde di una barella di emergenza, mentre dalla rianimazione viene portato in terapia intensiva.

E come se quella scarpa, persa sull’asfalto di una strada troppo fredda ed estranea, fosse il pezzo mancante di un puzzle mai completato, lacrime calde ora riempiono i miei occhi e scendono, scendono lungo il mio viso lavando via l’ultimo grammo si dolore rimasto troppo a lungo celato nelle profondità del mio cuore.

Respiro.

come rugiada
abbandono il passato
in superstrada

Ed ecco che la musica riempie l’abitacolo dell’auto.

Sono nuovamente qui, è quasi estate e il sole splende alto nel cielo terso.

 

Immagine: Marcelo, Sole con le nubi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...