Intervista a Metod Češek, di Andrea Cecon

Metod Češek (1981) è un poeta sloveno, pubblicista e traduttore, nonché autore di due libri: la raccolta di poesie Oko kroga e il libro Nogomet v naročju politike, un’analisi del ruolo della politica nella storia del calcio. I suoi haiku sono stati pubblicati su diverse riviste internazionali, come Modern Haiku e Frogpond (U.S.A.), Ginyu (Giappone) e Sommergras (Germania). Uno dei suoi haiku presenti in Modern Haiku è stato, peraltro, votato come il The Best of Issue.

Sei pubblicato su siti web, riviste, antologie… Ma ricordando le tue origini come haijin, cosa ti ha attratto dello haiku?

Lo haiku è una forma espressiva così semplice, quando si parla di vita, natura e filosofia, che quasi tutti sono in grado di capirlo, ma non tutti sono capaci di scriverlo. Come poeta, trovo una sfida l’avvicinarsi alla meraviglia della vita attraverso una forma poetica come questa. A volte solo poche parole possono esprimere o “dipingere” una gamma così eterogenea di emozioni e immagini che è quasi da non credere.

Generalmente, scrivi i tuoi haiku prima nella tua lingua madre e dopo li traduci?

Di solito non scrivo haiku nella mia lingua; scrivo per lo più in inglese. Ma c’è una ragione pragmatica: è quasi impossibile pubblicare haiku su riviste slovene, poiché non abbiamo più una rivista dedicata a questo genere. Solo un giornale, Apokalipsa, è disponibile a pubblicare (in forma discontinua) questa forma poetica. Devo dire poi che, in diversi casi, ho avuto difficoltà con la traduzione dei miei haiku in inglese, perché non è sempre facile rendere efficacemente il senso dello scritto. Dunque, scrivere haiku direttamente in inglese è funzionale per diverse ragioni. Ad ogni modo, quando ho bisogno di esprimere alcuni pensieri profondi o “filosofici”, mi sento molto più a mio agio nella mia lingua madre, dove il vocabolario personale è molto più ampio.

Cosa pensi del leggere haiku ad alta voce? Leggerli a bassa voce o mentalmente è un passo essenziale per te?

Beh, la lettura è parte del lavoro che un haijin deve fare se vuole rappresentare il suo lavoro efficacemente. Mi trovo a mio agio nel leggere haiku ad alta voce di fronte ad un pubblico e nel presentare il mio lavoro, anche se non ci sono tutte quelle opportunità che mi piacerebbe avere per farlo. Penso, comunque, che sia essenziale per un poeta considerare, durante la lettura ad alta voce, il silenzio che è presente in ogni poesia o haiku.

Parlando della tua poesia, quale tipo di effetto vorresti trasmettere agli altri con i tuoi lavori?

Veramente, non penso molto ai destinatari dei miei scritti. Una poesia può avere tante interpretazioni quanti sono i lettori. Ma per dare una risposta – spero più diretta alla tua domanda – nella raccolta di poesie Oko kroga, pubblicata nel 2013, ho scritto su tre temi principali: l’amore, la meditazione e il ruolo dei critici nella vita sociale e politica.

Cosa pensi della pubblicazione di haiku su internet?

Internet ci dà una opportunità di espansione in tutto il mondo, il che è grandioso. Non ho ancora pubblicato i miei haiku su riviste online, anche se il nostro amico Dimitar Anakiev ha pubblicato una mia tanka sul suo blog [http://kamesanhaikublog.blogspot.it, N.d.R.]. Il fatto è che sono ancora un neofita nel mondo dello haiku e, quindi, devo raccogliere quanto più possibile con la pubblicazione in riviste di livello internazionale. Sono anche un pubblicista, quindi ho bisogno di gestire il mio tempo con attenzione, avendone poco (purtroppo) da dedicare allo haiku. La mia produzione è limitata e questo è il motivo per cui collaboro al momento solo con riviste cartacee.

ex wife’s birthday:
cherishing a lemon tree
garden

compleanno dell’ex moglie:
l’amore per un giardino
di limoni

family reunion
distant thunder while searching
for the right words

riunione di famiglia
mentre cerco le parole giuste
un tuono lontano

fresh love,
saying I’m sorry
spring rain

un nuovo amore,
nel dire “di dispiace”
pioggia di primavera

summer wedding I love August rain!

matrimonio estivo Amo la pioggia d’agosto!

Immagine: Metod Češek durante il reading internazionale tenutosi a Lubiana il 26 febbraio 2014.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...