Il ragazzo e la farfalla, di Chris Drake

Lettura critica di uno hokku di Kobayashi Issa, tratta dal gruppo di discussione Haikai Talk. Traduzione dall’inglese a cura di Luca Cenisi.

Al suono della voce di un ragazzo…

かんざしの蝶を誘ふやとぶ小蝶
kanzashi no chō wo sasou ya tobu ko chō

piccola farfalla –
cerca di attirare una forcina
a forma di farfalla

Questo hokku è stato composto nella seconda metà del dodicesimo mese (inizio febbraio) del 1825, quando Issa fece ritorno a casa dopo diversi mesi di soggiorno trascorsi presso i propri allievi. In quel periodo, ci fu la richiesta di divorzio della seconda moglie e il poeta ebbe un malore che lo privò temporaneamente della capacità di parlare. Poco meno di un anno prima, a gennaio del 1824, l’unico superstite della famiglia di Issa, il terzogenito Konzaburō, morì, trasformando così lo stesso 1824 in un anno traumatico.

La voce di ragazzo è misteriosa. Farfalla e fanciullo paiono condividere una sorta di istintiva comunicazione animale. Che questo hokku sia basato sui ricordi di Issa legati alla sua esperienza con il terzo figlio, quando questi era ancora in vita? O che il poeta, in quel lontano 1825, stesse osservando un ragazzo, rievocando la presenza di figli e moglie? Secondo la nota che introduce lo scritto, quel ragazzino pare stesse ridendo o, comunque, avendo un tono di voce piuttosto allegro nell’osservare una piccola farfalla e una donna (sua madre?) che aveva tenuto insieme i capelli con una forcina decorativa. Ai tempi di Issa le forcine erano spesso fatte di metallo, con due rebbi paralleli che le facevano sembrare dei piccoli diapason. Alla base, nel punto in cui i rebbi si separavano, erano inserite delle decorazioni, piccoli disegni o forme intagliate, in questo caso una farfalla. La vera farfalla sembra essere stata attratta sia dalla forma della forcina che dalla voce del fanciullo – quasi che questa avesse riverberato tra le sue ali – portandosi così vicino all’oggetto posto sul capo della donna, nel tentativo di fare amicizia con quest’ultimo. Issa ci suggerisce che la piccola farfalla volesse invitare la controparte inanimata a volare via con lei e ad intraprendere una danza d’accoppiamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...