Dieci haiku di Guido Cupani, scelti dalla Redazione

CupaniGuido Cupani è nato a Pordenone nel 1981. Lavora all’osservatorio astronomico di Trieste e vive a Portogruaro.
Ha pubblicato le raccolte poetiche Le felicità (Samuele Editore, 2011) e Qualcosa di semplice sulla neve (Culturaglobale, 2013). Ha tradotto la silloge Nel santuario di P. Williamson (Samuele Editore, 2013).
Ha partecipato alla Festa di Poesia di Pordenone (2010, 2011), ai Notturni Di_versi di Portogruaro (2011, 2012) e al Festival Acque di Acqua (2013). Alcune sue poesie sono incluse nello spettacolo Ballate per il nordest di V. Mirandola e Piccola Bottega Baltazar (2013) – Pordenonelegge.it

Foglie d’edera
cresciute sull’amore
scritto sul muro.

Glicine sotto la pioggia:
ieri ancora fiorito,
oggi.

Orizzonte.
Solo l’irrigatore,
un arco azzurro.

Notte di fine estate.
Mille volte
lo stesso grillo.

Sotto i tigli.
Foglie ancora sul ramo,
foglie cadute.

Piove sull’erba.
Mi fermo e ascolto.
Piove sull’erba.

Minime in calo.
I sacchi di pattume
sotto le stelle.

Dalla foschia
una campana spenta
dalla foschia.

Autostrada –
non mi guarda la luna,
io non la guardo.

Sale la nebbia
dalla china nell’ombra.
Cassiopea.

3 thoughts on “Dieci haiku di Guido Cupani, scelti dalla Redazione

  1. Pingback: 170 sillabe – Guido Q

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...